Chi siamo

.

La Stanza Multisensoriale - Snoezelen-

La parola “snoezelen” è un neologismo che deriva dalle parole olandesi “snuffelen” (trovare, esplorare) e “doezelen” (sonnecchiare, pisolare).

La Snoezelen è infatti una terapia originariamente fondata in Olanda nel 1970 per le persone con disabilità cognitive e di sviluppo che consiste nell’offrire un’esperienza multisensoriale o ipersensoriale, adattando semplicemente l’illuminazione, l’atmosfera, i suoni e la consistenza tattile ai bisogni specifici dell’utente. L’applicazione clinica della Snoezelen therapy è stata estesa successivamente anche all’ambito delle demenze.

Le difficoltà intellettive e comunicative portano spesso a una condizione di isolamento e distacco dalla realtà, e attraverso il il metodo Snoezelen è possibile ricercare un contatto con il mondo interno delle persone grazie alla stimolazione sensoriale.

 

La Snoezelen room è un ambiente dove gli ospiti si sentono al sicuro e dove si creano e ricreano emozioni che favoriscono il benessere e la familiarità con lo spazio durante la permanenza.

In una stanza Snoezelen sono l’operatore e l'ospite che decidono in ogni momento a quali stimoli si vuole sottoporre per una stimolazione sensoriale efficace. Per questo ci si avvale di apparecchiature con controlli remoti specificamente progettate: luci a LED, colonne d’acqua, letti ad acqua, impianti per la riproduzione di suoni o vibrazioni, proiettori, diffusori di essenze oltre ad arredi e protezioni morbide.

Grazie alla sua flessibilità il metodo Snoezelen può essere utilizzato in diversi campi: una ricerca dell’Università di Dundee ha rilevato infatti i benefici di questo approccio terapeutico ed educativo per diverse categorie di utilizzatori.

 

Ambienti multisensoriali per persone con Alzheimer

Le persone che soffrono di Alzheimer non riescono a controllare il loro ambiente, che si tratti della propria casa o di una residenza sanitaria assistenziale e tendono a vivere un sovraccarico di stimoli visivi, suoni, rumori, tanto da venirne travolti, senza più riuscire ad agire. Precipitando in uno stato di paura, confusione e spaesamento.

La stanza Snoezelen migliora la qualità della vita della persona che si sente al sicuro e rilassata in un ambiente calmo e familiare.

C’è un detto comune che riferiamo agli anziani e ai loro ricordi: “ritornano bambini”. Oggi gli studi più avanzati sull’Alzheimer e sulle patologie della terza età hanno ribaltato questa idea. Non è la memoria infantile che ritorna, ma la memoria infantile che resta, perché quei ricordi sono intrisi di emozione e di contesti che memorizziamo anche “fisicamente”.

Grazie alla stanza multisensoriale possiamo creare o ricreare situazioni con forti componenti di gradevolezza emotiva non solo per i pazienti affetti da Alzheimer, autismo e demenza. Un ambiente piacevole è di fondamentale importanza per la creazione di esperienze e memoria positive nell’età evolutiva dei bambini.

 

L’efficacia della stimolazione sensoriale sulle persone affette da Demenza

Gli anziani affetti da demenza hanno una soglia di tolleranza allo stress ancora più bassa, manifestando comportamenti di scarsissimo adattamento in caso di sovraccarico ambientale o di deprivazione sensoriale.

Le Snoezelen room diventano ambienti multisensoriali dove gli stimoli sensoriali promuovono comportamenti positivi e generano un senso di benessere e di rilassamento generale. Perché gli anziani vengono coinvolti in attività piacevoli che stimolano l’interazione.

Una stanza plurisensoriale innovativa per i disturbi dell’Autismo

Nelle persone con autismo il metodo Snoezelen riduce i sentimenti di angoscia, i comportamenti aggressivi e di autolesionismo, favorendo la calma, il rilassamento e la fiducia nell’ambiente.

La stimolazione multisensoriale controllata viene utilizzata da tempo con le persone con disabilità come i comportamenti autistici. Le stanze Snoezelen sono create per stimolare molti comportamenti e tutti i sensi; per ridurre nell’autismo angoscia e i comportamenti aggressivi ripetitivi, usando effetti di luce, colori, suoni, musica, profumi, ecc. Le combinazioni di materiali diversi sulle pareti possono essere esplorate col tatto e anche il pavimento può essere allestito in modo da favorire il contatto dei piedi e stimolare il senso di equilibrio e l’armonia riflessologica.

Non c’è una retorica della “normalità”, ma il campo delle possibili esperienze. I vantaggi più importanti dell’intervento individualizzato sulle persone con autismo o altri disturbi dello sviluppo, riguardano i comportamenti adattivi e la partecipazione alle quotidiane attività della vita.

 

Riabilitazione in un ambiente sensoriale

Le stanze multisensoriali si presentano adatte a diverse età e disabilità. Le diverse attività che si possono intraprendere favoriscono il miglioramento delle motivazioni, della concentrazione e della coordinazione aiutando l’adulto e il bambino disabile a conoscere l’ambiente ed interagire con esso, senza alcuno stress.

L’integrazione multisensoriale diviene un approccio riabilitativo negli spazi psicomotori e utilizza effetti di luce, uditivi, gustativi ed olfattivi, utili a stimolare la percezione sensoriale.

 

La stanza Snoezelen e sedute di rilassamento e training autogeno

Un nuovo concetto di relax e riposo multisensoriale progettato per una maggiore armonia tramente e corpo.

Anche le comuni sedute di psicoterapia possono godere della Snoezelen room con arredi specifici dove far rifugiare gli ospiti: aromaterapia, suoni morbidi ed effetti luminosi li conducono infatti ad una rigenerazione profonda e un rilassamento totale fisico e mentale.

L’utilizzo del metodo Snoezelen ha numerosi vantaggi per la persona che ne beneficia: dall’aumento della comunicazione al miglioramento dell’umore e del comportamento, sino alla conoscenza e comprensione dell’ambiente e al miglioramento dell’autostima.

 

© Copyright. Tutti i diritti riservati.

©Copyright. Tutti i diritti riservati